#JPostMatch, News

#JPostMatch, Juventus-Venezia 2-1: solita Juve, ma va bene così

Una brutta Juve porta a casa i tre punti all’Allianz Stadium, una vittoria fondamentale per chiudere il discorso quarto posto, grazie anche al pareggio interno della Roma.

La prestazione lascia ovviamente a desiderare (un classico degli ultimi due e anni e mezzo), tuttavia era impensabile sistemare più di tanto le cose in corso d’opera dopo i primi deliranti mesi del 2021. In estate si parlava quanto meno di lotta scudetto, in lotta non ci siamo mai entrati ma ad oggi il quarto posto va più che bene, due anni di sofferenza possono andare bene, bisogna rispettare i cicli.

La partita era anche iniziata nel migliore dei modi con un buon approccio nei primi 15 minuti e il gol del vantaggio di Leonardo Bonucci, tuttavia il ritmo, l’efficacia e la forza della Juve è andata svanendo nel corso della gara fino al telefonato gol del pareggio del Venezia, una gran conclusione di Aramu. Fortunatamente Bonucci decide di festeggiare nel migliore dei modi il suo compleanno e si regala una doppietta che decreta il 2-1 finale.

Le note negative

Il solito calo di rendimento dopo un buon approccio alla gara e dopo il gol del vantaggio, una scena vista e rivista troppe volte nel corso della stagione;

Le recenti prestazioni di Alvaro Morata, dopo aver trovato un’ottima intesa con Vlahovic tra febbraio e marzo;

-La capacità di rendere fin troppo facile la vita ai nostri avversari, anche quelli meno attrezzati.

Le note positive

-Si segnala una buonissima prova del giovane Miretti, schierato anche in ruolo non suo. Il classe 2003 è più che una mezzala ma sa adattarsi in più ruoli grazie ad un repertorio molto vario. Sa giocare con pochi tocchi, sa dettare il ritmo ma non disdegna una certa dinamicità e buoni tempi di inserimento(con l’Under 17 aveva chiuso la stagione 2019/20 con 16 gol e 6 assist all’attivo in 17 presenze, mentre ha chiuso la passata stagione con 6 reti e 4 assist). Colpisce la sua personalità, più volte chiedeva palla ai compagni, tanti buoni segnali da parte sua. Parliamo di un ragazzo con la Juve nel sangue: A 8 anni viene notato dalla Juventus che lo integra nel proprio settore giovanile. Fa sempre piacere vedere un giovane bianconero esordire in prima squadra (aveva giocato già in Champions).

-Buona la prova di Rabiot, che come al suo solito migliora nella seconda parte di stagione, come accaduto nelle due precedenti stagioni. Nel primo tempo salva un gol con un grandissimo recupero e si fa ben notare in fase difensiva, sfruttando la sua fisicità. Un giocatore spesso criticato e che guadagna troppo ma che non fa mai mancare il suo apporto, non a caso cambiano gli allenatori ma lui gioca sempre (come anche al PSG).

-Nonostante l’amarezza per le aspettative iniziali, il discorso quarto posto ad un certo punto si era complicato tantissimo e sembrava addirittura improbabile. La squadra però ha reagito bene e aldilà del gioco è riuscita a sfruttare i passi falsi degli avversari e a rimanere lucida nei momenti decisivi del campionato. Eppure adesso il discorso si è chiuso in maniera positiva, va apprezzato anche questo.

Le ultime tre giornate potrebbero servire per conquistare il terzo posto con un occhio di riguardo alla finale di coppa Italia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...