#CheAriaTira

UNO SGUARDO AL MERCATO INVERNALE

Il mese di gennaio ha visto la Juventus regina indiscussa del mercato invernale, dal colpo Vlahovic fino alle cessioni definitive/temporanee di alcuni esuberi, ma vediamo insieme i protagonisti.

ACQUISTI

Dusan Vlahovic : 75 milioni più commissioni per portarlo a Torino, il serbo sulla carta è l’acquisto migliore d’Europa in questa sessione, l’attaccante mancino classe 2000 ha siglato 17 goal in 21 apparizioni fino ad ora con la maglia viola, uno ogni 109 minuti. Il numero 7 andrà a colmare il problema in attacco che affligge la Juventus dall’addio di Cristiano Ronaldo.
Per lui le aspettative sono alte, ma già in conferenza è sembrato convinto e determinato sugli obiettivi futuri.

Denis Zakaria: Lo svizzero arriva dalla Bundesliga, era nella lista di molti top club europei ma Cherubini prontamente lo ha portato alla corte di Mr.Allegri, solo 8,6 milioni di euro complessivi sborsati da Madama per averlo subito. L’ex Borussia Monchengladbach oltre ad aver segnato due reti è stato uno dei tre centrocampisti che in questa stagione di Bundesliga hanno completato almeno il 90% dei propri passaggi.

Federico Gatti: Il centrale sembrava aver accettato l’offerta del Torino ma la Juventus all’ultimo ha superato i cugini mettendo sul piatto 7,5 milioni più 2,5 di bonus, il difensore piemontese finirà la stagione in prestito al Frosinone. Il classe 98’ sembra uno dei giovani italiani più promettenti, 3 reti nella serie cadetta e l’81% nella precisione dei passaggi.

Simone Iocolano: Dopo la convincente sfida contro la Sampdoria Allegri ha deciso di promuovere Akè definitivamente in prima squadra per aumentare le soluzioni offensive dopo l’infortunio di Chiesa, la dirigenza perciò ha regalato Simone Iocolano alla JuventusU23, l’ala sinistra arriva dal Lecco, 3 reti in 20 incontri per l’esterno torinese.

Alessandro Siano: Un ritorno al passato per il portiere classe 2002 che fino all’estate 2020 aveva vestito sempre i colori bianconeri, per l’estremo difensore due stagioni in Romagna nell’imolese, la seconda purtoppo saltata per un infortunio ai legamenti, che ora però sembra smaltito.

Brando Moruzzi: Il suo trasferimento sarà passato in sordina, ma la Juventus in questa sessione ha scommesso sul gioiellino della Sangiovannese, per lui quest’anno 16 presenze e 1 marcatura in serie D, il giovane fiorentino inoltre è Inserito nel ranking della Lega Nazionale tra i migliori 2004 nei 9 gironi di Serie D.

CESSIONI

Rodrigo Bentancur: Lolo saluta Madama dopo quattro anni e mezzo, un ragazzo che l’ambiente inizialmente ha amato che però ha in parte deluso le aspettative di crescita, dopo 7 trofei in bianconero l’uruguaiano vola a Londra nel Tottenham di Antonio Conte. Gli Spurs si sono aggiudicati il numero 30 per 19 milioni più 6 di bonus facilmente raggiungibili.

Dejan Kulusevski: Cessione inevitabile, Dejan sembra non essere mai entrato nei meccanismi della Juventus, l’esordio con goal lo scorsa stagione aveva abbagliato tutti, lo svedese raggiunge Bentancur a Londra negli Spurs, Paratici dunque riabbraccia un suo vecchio pupillo, per il 44 un prestito oneroso a 10 milioni complessivi (tre per il finale di questa stagione, sette per la prossima) con diritto di riscatto fissato a 35 milioni, pagabili in cinque esercizi.

Aaron Ramsey: La sua avventura alla Juventus può essere descritta con una sola parola, disastro, il gallese arriva in pompa magna sotto la guida di Mr.Sarri, le tre stagioni torinesi sono un incubo, tanti infortuni, uno stipendio esoso e poche presenze. L’ex gunners lascia Madama per sposare il progetto dei Rangers, prestito secco fino a giugno e diritto di riscatto fissato a 6 milioni. I The Gers pagheranno meno del 30% dello stipendio di Ramsey.

Radu Drăgușin: Il giovane rumeno finirà la stagione alla Salernitana in prestito secco fino a giugno, il classe 2002 in estate si era aggregato sempre in prestito nel massimo campionato italiano alla Sampdoria, complice l’arrivo di Magnani in Liguria, Drăgușin ha preferito un ambiente che potesse dargli continuità. In blucerchiato 13 apparizioni, solo 4 dal primo minuto.

Hamza Rafia: Il centrocampista tunisino in estate era volato in Belgio nello Standard Liegi grazie a un prestito con obbligo di riscatto a determinate condizioni, l’ex Juve però ha calcato il campo solo 9 volte, troppe poche per poter crescere, la Cremonese dell’ex compagno Fagioli ha richiesto e ottenuto il nordafricano in prestito fino a fine stagione.

Alessandro Di Pardo: Il laterale riminese dopo alcune chiamate la scorsa stagione da Mr.Pirlo aveva deciso di accettare l’offerta in serie cadetta del Vicenza, in terra veneta da quinto di destra 15 presenze con una rete. Il classe 99’ però ha deciso di trasferirsi dai calabresi del Cosenza, complice anche la classifica non felicissima dei biancorossi.

Davide De Marino: L’under23 saluta e o laterale classe 2000, De Marino passa al Pisa in prestito con diritto di riscatto, il difensore saviglianese ha trascorso meno di due stagioni sotto la mole.

Marco Olivieri: Il marchigiano dopo appena 18 presenze ( 9 da titolare) e 0 reti risolve il proprio prestito col Lecce e torna alla Juventus, la Vecchia Signora lo gira in prestito biennale con opzione di obbligo di riscatto agli umbri del Perugia.

Luca Coccolo: Il giovane piemontese non trova tanto spazio in terra ferrarese, appena 375’ minuti con la Spal, per questo la Juventus ha deciso di mandare il 23enne in prestito all’Alessandria fino al 30 giugno 2022, il difensore ritroverà lo stadio Giuseppe Moccagatta che lo ha ospitato svariate volte con la JuventusU23.

DEMETRIO NICOLÓ

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...