#JPostMatch, News

#JPostMatch, Juventus-Sampdoria 4-1: tanti spunti interessanti

La Juve supera agilmente la Sampdoria negli ottavi di finale di Coppa Italia ed approda ai quarti in attesa di sapere l’avversario(tra Cagliari e Sassuolo).

Alla squadra di Max Allegri, in tribuna squalificato, sono bastati i gol al 25′ di Cuadrado, al 52′ di Rugani, al 67′ di Dybala e al 77′ di Morata su calcio di rigore. Serve a poco alla Samp, in attesa del nuovo tecnico Giampaolo, la rete di Conti al 63′.

L’avversario non era irresistibile ma va comunque sottolineata la bella gara dei bianconeri, forse la migliore della stagione. Ma non tanto per il risultato, quanto per l’atteggiamento positivo e il modo di interpretare la gara con tante occasioni create. Rimane una certa carenza in fase di realizzazione ma creando di più i gol prima o poi arrivano.

Interessante la tanto attesa prova di Locatelli e Arthur insieme. Il campione europeo in questo modo ha avuto più libertà di proporsi si in avanti, migliorando la qualità delle giocate offensiva e cercando maggiormente la rete, dato che parliamo dell’unico centrocampista(insieme a McKennie) in grado di arrivare ai 6-7 gol chiesti da Allegri in estate. Il brasiliano ha svolto il ruolo di regista, ha reso poi fluido il nostro gioco aiutando la difesa in fase di costruzione; l’assist per Rugani arriva da un cross. È presto per dare sentenze, ci saranno altri test per valutare la compresenza di Arthur-Locatelli, i presupposti ci sono, nonostante una copertura minore fornita dal brasiliano.

Bene anche la prova del subentrato Akè, sveglio e veloce nel procurarsi il rigore e nel cercare il dribbling(con successo). Classe 2001 con esperienza accumulata già nel Marsiglia con 18 apparizioni in campionato, 4 nella coppa nazionale e 4 in Champions Legue. Con l’assenza di Chiesa potremo rivederlo.

Male ancora una volta Dejan Kulusveski, involuto anche rispetto alla passata stagione: spento, insicuro, mai incisivo. Sembra entrato in blocco perenne, non tenta il dribbling e si limita all’appoggio semplice per il compagno più vicino; non riesce neanche a sfruttare il suo fisico, che a Parma invece era un suo punto di forza. Il ragazzo svedese sta sprecando diverse opportunità e sembra non dare segnali incoraggianti, ha assolutamente bisogno di sbloccarsi dato che difficilmente verrà ceduto in queste ultime settimane di mercato.

Si sottolinea l’esultanza di Dybala che richiama il pubblico e il rigore lasciato al suo compagno(e amico) Morata; in questo momento è meglio placare gli animi. Per Morata si tratta della sua partita numero 100 giocata da titolare con la Juventus in tutte le competizioni (165° match in totale con i bianconeri), mentre Dybala è l’unico calciatore della Juventus ad aver preso parte ad almeno 15 reti in questa stagione in tutte le competizioni (11 gol e 4 assist), almeno quattro in più di qualsiasi altro.

Il prossimo appuntamento con il Milan sarà di una difficoltà decisamente differente e sarà una gara molto importante per la lotta al quarto posto: vietato sbagliare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...