#J-enemies

Serie A, 8ᵅ Giornata

Spezia-Salernitana 2-1

39’ Simy (SA), 51’ Strelec (SP). 76’ Kovalenko (SP).

Scontro salvezza all’ottava giornata, si affrontano lo Spezia e la Salernitana. Partita equilibrata sbloccata dalla squadra campana con il primo gol di Simy in maglia granata, ma nel secondo tempo si scatena Kovalenko, che risulta man of the match con un gol e un assist. A fine partita arriva l’esonero di Castori.

Lazio-Inter 3-1

12’ Perisic(I), 64’ Immobile (L), 81’ F. Anderson (L), 91’ Milinkovic-Savic(L).

Scontro d’alta classifica tra Inter e Lazio, con Inzaghi a giocare contro la sua ex squadra. Dopo la vittoria con la Roma, arriva un altro big match per Sarri. L’Inter parte meglio, e già al 12’ la sblocca con Perisic sul rigore. L’inter gioca meglio ma non raddoppia, ed il secondo tempo è un’altra partita. La Lazio viene fuori, e al 64’ pareggia su rigore. All’80’ l’episodio più controverso della partita: Dimarco subisce un contatto, la palla rimane all’Inter che gioca: la Lazio recupera e al posto di accompagnare il pallone fuori sigla il 2-1 su ribaltone di fronte. Rabbia nerazzurra che si sfoga sul campo e arrivano quattro ammonizioni insieme a delle scene orribili. Al 91’ Milinkovic Savic la chiude. Ma la partita non finisce qui: Luiz Felipe a seguito del triplice fischio va ad esultare dal suo amico ed ex compagno di stanza Tucu Correa in maniera provocatoria, e scatta nuovamente il chaos: si conclude con l’espulsione di Luiz Felipe stesso.

Milan-Verona 3-2

7’ Caprari (V), 24’ Barak (V), 59’ Giroud (M), 76’ Kessie (M), 78’ Gunter (M, Autogol).

Il Milan ospita il Verona a San Siro in quello che sembra un deja vu della partita della scorsa stagione ma con finale diverso. Il Verona parte a mille come sempre a sferra colpi a ripetizione al Milan. Gol di Caprari dopo pochi minuti, un gol sbagliato da vicino alla porta, e il raddoppio di Barak su rigore (inesistente, errore dell’arbitro). Continua la pressione ma il Milan, soprattutto dopo l’ingresso di Leao per Rebic (infortunio muscolare) trova continuità nelle sue sortite offensive. Nella ripresa Milan preme il piede sull’acceleratore, caricato sulle spalle dal giovane portoghese che è davvero imprendibile. Pareggio di Giroud e inerzia tutta dalla parte rossonera. Entra Castillejo e il Milan trova un calciatore che risulterà determinante non tanto sul tabellino ma quanto per la prestazione. Il Verona è alle corde, e al 76’ subisce gol su rigore di Kessie, e due minuti dopo arriva la rimonta con un autogol degno di un film di Fantozzi. La squadra di Tudor per la terza volta perde punti dopo essere stata in vantaggio per due a zero. Il Milan dimostra una forza mentale enorme.

Cagliari- Sampdoria 3-1

4’, 94’ Joao Pedro (C), 74’ Caceres (C), 82’ Thorsby (S).

Altro scontro salvezza in Sardegna con due squadre che sicuramente avrebbero i mezzi per essere in situazioni diverse. Il 3-5-2 di Mazzarri sfida i blucerchiati guidati da Quagliarella con Caputo sostituito da Gabbiadini al rientro dall’infortunio. Due squadre che danno il meglio in contropiede, ma la Samp fa la partita, con il Cagliari che però fa gol, con Joao Pedro in gol di testa dopo un disimpegno facile sbagliato da Candreva. Candreva che ancora una volta è il migliore dei suoi, colpisce il palo. Nel secondo tempo nel miglior momento della Sampdoria, Caceres sigla un gol fantastico dal limite dell’area. Thorsby accorcia sugli sviluppi di calcio d’angolo, la squadra genovese va vicino due volte al pareggio con Colley e Caputo, ma all’ultimo respiro Joao Pedro mette ancora la firma e chiude il discorso.

Udinese-Bologna 1-1

67’ Barrow (B), 82’ Beto (U).

Mihajlovic sfida Gotti ad Udine, con il Bologna autore di una prestazione molto convincente, sin dal primo tempo. Barrow ispiratissimo va nel primo tempo più volte vicino al gol, ma nulla di fatto, il primo tempo si conclude con l’espulsione per foppia ammonizione di Roberto Pereyra. Il Bologna continua a fare la partita, e va in vantaggio al 67’ con proprio Barrow (MVP), nonostante una decina di minuti prima l’Udinese colpisce il palo con Deulofeu e ha un’altra occasione con Larssen. All’82’ l’Udinese riesce a strappare un punto ai rossoblù con il gol di Beto, dopo esser stati tenuti a galla da parecchi interventi di Silvestri su Barrow. Pareggio amaro per i rossoblu, che avrebbero meritato i tre punti.

Genoa-Sassuolo 2-2

17’,20’ Scamacca (S), 27’ Destro (G), 89’ Vasquez (G)

Nei primi venti minuti di Genoa-.Sassuolo c’è una luce in campo che fa la differenza: Gianluca Scamacca sigla tre gol, di cui uno annullato. Destro non ci sta ad essere attore secondario, e insieme a Pandev il Genoa alza la testa ed al 27’ ecco il gol che riapre la partita e cambia l’inerzia del match. Al 43’ però è ancora il Sassuolo a rendersi pericoloso col Djuricic che colpisce il palo con un tiro da Futsal dopo la deviazione di Sirigu. Scamacca a inizio secondo tempo si divora un gol, un altro tiro finisce fuori di poco, ma la tripletta non arriva. All’89’ arriva però il pareggio del Genoa col colpo di testa di Vasquez su calcio d’angolo (assist di Rovella).

Empoli-Atalanta 1-4

11’,26’ Ilicic (A), 30’ Di Francesco (E), 49’ Viti (A, Autogol), 89’ Zapata.

Al Castellani l’Empoli ospita l’Atalanta che ritrova la coppia Muriel-Ilici dal primo minuto. In avvio l’Empoli va vicinissima al vantaggio, con Demiral che salva sulla linea un tiro a Musso battuto. Ilicic sembra tornato quello di due anni fa, e nel primo tempo è letteralmente immarcabile. Un gol in tap-in e il secondo bellissimo a giro da fuori area. Alla mezz’ora l’Empoli la riapre. In apertura del secondo tempo arriva un autogol di Viti su un altro inserimento di Pasalic che di testa aveva messo un assist per Zapata solo da spingere dentro. Ed è proprio così che arriva all’89’ il quarto gol dei neroazzuri. Da segnalare un rigore sbagliato da Ilicic e un altro salvataggio sulla linea dell’Atalanta.

Napoli-Torino 1-0

81’ Osihmen (N).

Il Napoli continua il suo rullino di marcia e sigla le 8 vittorie consecutive, nonostante qualche difficoltà. Nel primo tempo il Toro parte aggredendo alto il Napoli, ma crea poco. I partenopei invece si rendono pericolosi con l’attaccante nigeriano sempre bravo ad allungare la squadra e ad andare vicino alla rete. Al 36’ Insigne sbaglia un rigore e il toro inizia a trovare più continuità di prestazione, illuminati da Brekalo. Secondo tempo: gol annullato a Di Lorenzo, palo di Lozano, una due occasioni enormi per Brekalo, ma la palla non entra. All’81’ su un rimpallo il pallone arriva a Osihmen che la mette dentro e firma il gol vittoria per il Napoli.

Venezia-Fiorentina 1-0

36’ Aramu (V).

Partita equilibrata tra Venezia e Fiorentina. Fiorentina che cerca di Imporre il ritmo, ma rischia più volte le imbucate con la difesa molto alta e si affida alle sgasate di Sottil. Al 36′ è il solito Mattia Aramu a segnare il tap-in dell’1-0, dopo aver sbagliato un gol pochi minuti prima. Nel secondo tempo il copione rimane lo stesso, qualche giallo e un rosso a Sottil (migliore dei suoi) per doppia ammonizione. Gli ultimi minuti dopo l’espulsione la partita decolla e la Fiorentina trova ritmo, e produce qualche occasione sui calci piazzati, e colpisce un palo su una parata sporca di Romero. All’ultimo minuto il portiere viola va a saltare sull’angolo, il Venezia potrebbe chiudere il discorso a porta vuota, ma grazie a un bel recupero di Gonzalez, Okereke si divora il gol finale.

La classifica inizia a delineare i valori del campionato, con le nuove sette sorelle in dieci punti e la sfida salvezza che probabilmente avrà parecchi nomi in ballo fino all’ultima giornata (9 squadre in tre punti). La settimana prossima un turno che vedrà due big match: la prova del 9 per Luciano Spalletti a casa di Mourinho, e la Juventus a San Siro per recuperare l’Inter.

Mattia Crescenzi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...