Lavagna Tattica

Lavagna Tattica: l’Udinese di Luca Gotti

Dopo 3 mesi ritorna finalmente il calcio giocato e nel tardo pomeriggio di oggi la Juventus, sarà di scena alla Dacia Arena dove affronterà i padroni di casa dell’Udinese. Luca Gotti fresco di rinnovo per un ulteriore stagione ma che sembrava sul punto di lasciare dopo aver conquistato una tranquilla salvezza nella scorsa stagione, schiererà il suo 3-5-2 anche se non ha escluso modifiche tattiche nel corso della stagione.

Fase di possesso

I friulani cercano più un lancio lungo verso le due punte che costruire il loro gioco dal basso nonostante la disposizione in area di rigore dei tre difensori. La prima punta nel duello aereo cerca di effettuare una sponda verso il compagno di reparto che dovrà attaccare lo spazio alle sue spalle mentre l’esterno più vicino alla zona della palla, cerca un taglio in diagonale tra la difesa avversaria. Quando invece viene effettuata una manovra dal basso il gioco viene indirizzato verso i lati del campo con i due quinti, che giocano il pallone verso la mezz’ala di riferimento. Quest’ultimo ruolo sarà ricoperto anche da Roberto Pereyra giocatore che conosciamo molto bene, già andato a segno per due volte nella sfida di Coppa Italia contro l’Ascoli.

Fase di non possesso

In questa fase l’Udinese forma una linea difensiva a 5 con i due esterni di centrocampo, che si trasformano in terzini e inoltre i bianconeri schiereranno quasi tutti i propri uomini sulla trequarti campo dietro la linea della palla. I tre centrocampisti dovranno andare a coprire l’intera larghezza del campo mentre le due punte con i loro movimenti, cercano di chiudere la linea di passaggio verso il mediano avversario.

Conclusioni

Il modulo scelto da mister Allegri sarà un 4-3-3, che si trasforma nell’ormai “storico” 4-4-2 in fase di non possesso palla e a scendere in campo saranno quasi gli stessi uomini che scesi in campo nell’amichevole contro l’Atalanta: l’unico dubbio infatti sembra essere quello tra Danilo e Cuadrado per il ruolo di terzino destro mentre Bernardeschi, dovrebbe essere confermato come interno di centrocampo al fianco di Bentancur e Ramsey che agirà ancora una volta da play davanti alla difesa. In attacco appare confermato il tridente composto da Chiesa-Dybala-Ronaldo mentre l’ultimo arrivato Manuel Locatelli, non essendo al meglio della condizione fisica, partirà dalla panchina.

Salvatore Amato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...