Spazio Liga

SpazioLiga: Elche 21/22

La stagione passata

I franjiverdes hanno strappato una salvezza poco immaginabile ad inizio annata, dovendo pure fare i conti con un doloroso cambio allenatore, da Almiron ad Escribà.

Con un atteggiamento più concreto e l’elmetto ben posto gli ilicitani hanno lottato nel fango della zona retrocessione sino a strappare la permanenza in Liga all’ultimo turno.

Squadra profondamente operaia, raggiungere la salvezza è stato un traguardo epico, visti i valori in campo.

La Rosa

I mezzi economici a disposizione non sono opulenti, a maggior ragione in questa fase di pandemia e contrazione economica, ed è comprensibile che in questa sessione di mercato rafforzare il club sarà un’impresa titanica.

Ad oggi sono stati confermati calciatori come Boyè e Marcone. Sono stati invece acquistati Kiko Casilla, Pedro Bigas, Enzo Roco e Johan Mojica.

Buoni ritocchi, ma senza un aumento reale del tasso tecnico degli ilicitani.

Fra i pali si alterneranno Badia e Casilla, in un dualismo che potrebbe essere deleterio.

La linea a quattro vedrà sulle fasce Mojica a sinistra e uno fra Palacios e Barragan a destra, con al centro Verdù ed uno fra Bigas e Roco.

La linea a quattro in mediana affidata all’insostituibile Fidel a sinistra, Josan a destra e nel mezzo il solito Raul Guti con il posto da pivote ancora in cerca di un proprietario.

In avanti Boyè cerca compagnia, ma per ora Pere Milla vestirà i panni della seconda punta.

L’allenatore

Fran Escribà è un allenatore già noto al mondo Elche. Questa è la sua seconda esperienza al club, dopo la leggendaria conquista della Segunda 12/13 ottenuta distruggendo ogni record della cadetteria spagnola.

L’attualità però è diversa. Dopo la salvezza ottenuta lottando con le unghie e con i denti ripetersi sarà tutt’altro che semplice per il tecnico valenciano, chiamato a far le nozze con i fichi secchi.

La stella

Cervello e cuore, polmoni e piedi.

Raul Guti è l’alfa e l’omega dell’undici di Escribá.

Con l’arrivo del tecnico valenciano il classe 96 ha finalmente trovato la centralità nel campo di gioco elevando il livello di gioco e disegnando calcio.

Nella scorsa stagione ha saputo dirigente la mediana franjiverde con personalità e qualità tecnica, risultando decisivo per la salvezza.

Giocatore fondamentale per l’Elche, ha probabilmente qualità per mettersi alla prova a livelli maggiori che la zona salvezza.

La sorpresa

All’inizio della scorsa stagione nessuno aveva un briciolo di fiducia in lui, ma giornata dopo giornata Lucas Boyè ha dimostrato che può fare la differenza in Primera e può essere un calciatore importante anche in un campionato complesso come la Liga.

Nonostante questo ed i gol marcati sono convinto che Boyè possa fare ancora meglio in questa stagione, garantendo maggiore presenza in zona gol e restando a servizio dei compagni con umiltà e tecnica.

L’ex Toro non è un fenomeno, ma le brutte esperienze a Torino, a Vigo e in Inghilterra hanno danneggiato oltremodo la reputazione di quello che era considerato fra i migliori centravanti della sua generazione.

Previsione piazzamento

I miracoli sono tali per la rarità con cui avvengono.

Se dovessimo guardare in faccia la realtà gli ilicitani sono fra le compagini meno attrezzate sulla carta ed aver raggiunto la salvezza in extremis lo scorso anno lo conferma.

Le difficoltà nel rinforzare il club fa il resto, con Escribà che dovrà fare di necessità virtù in un paio di posizioni.

Non partono battuti, ma sarà difficile mettersi alle spalle altre tre squadre. Ma non impossibile.

Stefano Follador

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...