Spazio Liga

SpazioLiga: Atletico Madrid 21/22

La stagione passata

La scorsa Liga si è conclusa con il trionfo all’ultimo giro di giostra per i colchoneros, che dopo aver dominato la prima parte di campionato sono andati vicino allo psicodramma ed al suicidio sportivo.

La proverbiale solidità del Cholismo è venuta meno per cercare di mettere a frutto il grande potenziale offensivo dei biancorossi, operazione riuscita a metà, nonostante il titolo.

Grande protagonista della vittoria è stato senza dubbio Luis Suarez, un uomo in missione, con il solo proposito di vendicare il trattamento riservatogli dalla dirigenza catalana. Vedremo se la fame del 9 charrua si sarà placata, ma dubito.

La Rosa

Il parco giocatori a servizio di Diego Simeone resta di primissimo livello, visto che la dirigenza non ha dovuto affrontare addii particolarmente pesanti, ed anzi si è assicurata un giocatore del calibro di De Paul.

La difesa resta un reparto di grande qualità. Savic, Gimenez ed Hermoso sono garanzie nel mezzo. La fascia destra è ben presieduta da Trippier e Vrsalijko, a sinistra forse manca una alternativa a Renan Lodi.

In mezzo c’è l’imbarazzo della scelta: Koke, Saul, Kondogbia, De Paul, Llorente ed Herrera. Reparto completo e forse un poco trafficato.

La batteria dei trequartisti è folta ed interessante. Joao Felix non viene dalle sue annate migliori e non c’è troppo feeling con l’ambiente, ma resta un talento top europeo. Carrasco e Lemar sono formidabili armi tattiche, senza dimenticare Correa e il neoacquisto Marcos Paulo.

In avanti ovviamente abbiamo l’imprescindibile Luis Suarez, privo però di una spalla o ricambio, tranne l’imberbe Ivan Saponjic. Le voci di mercato parlano del ritorno di Dembelè dall’OL o dell’arrivo di Rafa Mir, entrambe mosse interessanti.

Allenatore

Che altro dire di Diego Simeone? Uno degli allenatori più di successo degli ultimi dieci anni, con una influenza enorme sullo sviluppo del gioco del calcio.

Certo non piace a tutti, anche a parte della tifoseria colchonero, ma quando sembrava poter essere al passo d’addio, con un ciclo finito ed uno stile superato, si è saputo adattare, seppur parzialmente, e trovare nuovi stimoli ed idee trasformando un buon club in una realtà che ormai si può dire di pari valore tecnico rispetto a due istituzioni come Real e Barça. Un cambiamento storico.

La stella

La tradizione colchonero del cholismo selvaggio ha un fondamento: un grande portiere.

Jan Oblak per me ad oggi è il portiere più forte del pianeta, un atleta spettacolare, per prontezza di riflessi, agilità, forza, coraggio e bagaglio tecnico.

Risulta innegabile come ormai abbia sviluppato una aura tale in Liga che molti calciatori sono terrorizzati all’affrontarlo.

Lo sloveno garantisce sicurezza e affidabilità come pochi al mondo, mettendo una pezza anche nelle rare occasioni concesse dalla difesa. Semplicemente fantastico.

La sorpresa

Alle nostre latitudini lo conosciamo fin troppo bene, ma per i sostenitori iberici forse non è chiaro fino in fondo che razza di centrocampista delizioso possa essere Rodrigo De Paul.

El Pollo è stato prelevato dall’Udinese, dopo essere cresciuto esponenzialmente nella sua esperienza friulana.

Al Wanda Metropolitano potrà dar sfogo al suo repertorio tecnico e completare la sua consacrazione internazionale dopo la Copa America da protagonista, non è un caso che il primo titolo con la Seleccion di Messi coincida con l’inserimento dell’ex Racing.

Don Rodrigo ha tutte le carte in regola per diventare un fattore importante anche per un top club della Liga, forse più di quanto gli stessi tifosi colchoneros si possano aspettare.

Previsione piazzamento

Non è il caso di nascondersi. La banda del Cholo ha tutto per bissare il titolo della scorsa stagione, anzi se arrivasse un rincalzo di livello per Suarez credo che senza remore si potrebbe considerare l’Atletico il favorito massimo alla corona.

Squadra solida, affiatata, ma rinnovata e rivitalizzata, quindi lontana dalle fiacche di fine ciclo, se dovessi scegliere su chi puntare il mio dollaro va sui biancorossi, sopratutto dopo il ciclone Messi che ha travolto Barcelona e con il Madrid orfano della sua coppia centrale. Certamente si tratta di valutazioni estive, con il mercato ancora aperto, ma ad oggi vedo l’Atleti un passo avanti a tutti.

Stefano Follador

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...