#taccoepunta

In attesa delle notti bianconere: ecco perchè è ancora bello tifare

“Non sarebbe male, per esempio, se comprendessimo tutti che il tifo non può essere, come accade da noi, soprattutto un tifo contro. Il tifo deve essere espressione gioiosa di appoggio ai propri colori ma al tempo stesso di rispetto e tolleranza verso gli altri.” Una frase, quella di Bruno Pizzul, di grandissima attualità.

L’insofferente lotteria dei rigori, poi la parata di Donnarumma su Morata ed infine la freddezza di Jorginho: l’Italia di Mancini vola così in finale, e sulle ali della speranza plana anche il sogno di tutti i tifosi dello sport più amato e odiato di sempre, croce e delizia dei nostri giorni. Pensavo a quanto ci piace tifare l’Italia. A quanto bello sia questo tifo sano e disinteressato.

Quello tra la società e il calcio è una grande storia d’amore storica, un binomio indissolubile. L’amore per una maglia e l’attaccamento ai colori si tramandano perlopiù di padre in figlio. Sin dagli albori sentiamo la necessità di identificarci in un determinato club calcistico, sia esso conosciuto a livello locale o nazionale, diventando così tifosi. Il tifo (quello sano, eh!) è una delle parentesi più belle del calcio che emoziona, definito un fenomeno sociale vero e proprio. Possiamo definirlo una forma di comunicazione.

Ma perchè è ancora bello tifare l’azzurro in maniera sana? Per sentirci parte di un’unica grande famiglia. Perchè è un fenomeno sociologico così semplice da vivere ma così critico da spiegare in maniera del tutto razionale. Il tifoso trova supporto in un gruppo, si identifica, soffre e prova quell’empatia e compassione che può scorgere solo nei propri simili. Cosa si vince e cosa si perde quando il proprio club -in questo caso la nostra Italia- perde o vince? Assolutamente niente. Ed è questo il bello. Pura passione disinteressata, reale, sincera, pura. Questo accade per la Nazionale. Per quanto concerne la Juventus, quando si vince, vince ancora una volta l’orgoglio, e quando si perde… Beh, si perde tutto. Anche la fame. E la voglia di vivere. Ok, sto andando fuori tema.

Perchè la notte prima di una qualsiasi finale (una a caso, non addentriamoci troppo nei dispiaceri...) restiamo svegli, con aria smaniosa, ad immaginare, fantasticare, sperare, soffrire? Perchè dopo il fischio iniziale trascorriamo quei 90 minuti al cardiopalma ma al contempo -non chiedetemi come sia possibile questo fenomeno- allegri e spensierati, magari con una birra in mano, accerchiati da amici et similia? Semplicemente per condivisione, felicità, spensieratezza. Per la voglia di sentirsi italiani in un’Italia sempre più lontana dall’immagine di un paese idilliaco, dove regna la più totale disaffezione dei cittadini nei suoi confronti. Per sentirsi parte di un progetto, di un sogno. Sia esso un sogno azzurro, o nel mio caso (oddio, aspettate, sarò davvero una tifosa sana io?) bianco e nero.

Quanto è bello il tifo sano? Meraviglioso. Ma forse sto solo delirando in attesa dell’inizio del campionato, quando metterò da parte il tifo sano -ribadiamolo ancora una volta- per dedicarmi completamente alla mia patologia bianconera. Al tifo sofferto, disperato, di birre in solitaria (ma quali amici, quale piazza e quale bar? Siamo matti?). Al tifo fatto di urla con i vicini che si chiedono se tu sia sempre quella venticinquenne gentile, dolce e con la vocina delicata che incontrano sul pianerottolo, o se tu sia improvvisamente diventato il tizio che, appena sceso dall’imbarcazione, deve vendere al miglior prezzo competitivo quelle cozze al mercato del pesce. Al tifo fatto di sorrisi e lacrime amare, di poca -meglio pari a zero- gente attorno a me durante il match. Assolutamente sano, sì. Ma questa è un’altra storia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...