Nero Su BIanco

Juvengers incontra Luca Gramellini

Abbiamo il piacere di ospitare un grande amico di Juvengers. Non ci siamo lasciati sfuggire l’occasione di sottoporgli alcuni quesiti sulla stagione bianconera, con uno sguardo proiettato alle gare che verranno e alla Juve che sarà. Le risposte di Luca Gramellini, apprezzato giornalista juventinologo. (Che ringraziamo sentitamente per la cortese disponibilità)

***

1) Futuro di Pirlo già deciso, oppure ancora è tutto legato ai risultati delle ultime partite che verranno?


Se volete il mio parere personale credo che non ci sia nulla di già deciso perché se Pirlo arrivasse secondo e conquistasse anche la Coppa Italia, la Juventus, che sapeva dei rischi a cui andava incontro con la scelta Pirlo, proseguirebbe con lui in panchina. E personalmente lo troverei corretto, perché cambiare il quarto allenatore in 4 anni non sarebbe il massimo. Diverso il discorso se non arrivasse nelle prime quattro posizioni. In quel caso cambio panchina assicurato.

***

2) Ogni annata sportiva impone dei bilanci di fine stagione. Con qualificazione Champions League, Supercoppa e Coppa Italia, affibieresti giudizio positivo alla stagione ‪2020-2021‬? Oppure certe prestazioni sconcertanti (Benevento A/R, Crotone, Inter, Fiorentina, Porto, Napoli “andata” e Derby) devono avere ugualmente il loro peso decisionale?


Alla luce delle inevitabili ed anche preventivabili difficoltà che un allenatore neofita avrebbe incontrato la riterrei una stagione tutto sommato positiva, o quantomeno non così negativa come ad un certo punto della stagione era parsa. Non dimentichiamoci che non sta scritto da nessuna parte che uno debba vincere per forza. Ci sono mille variabili e difficoltà in un percorso e quello di Pirlo ne ha incontrate parecchie. E’ chiaro che anche in un percorso di crescita di un allenatore ci sono alcune prestazioni che resteranno comunque iscritte nel registro delle prestazioni inaccettabili. E quelle che hai menzionato tu lo sono certamente.

***

3) A più riprese, sulle nostre pagine web, abbiamo scritto di un filo conduttore smarrito, che non lega più proprietà, presidente, dirigenza, allenatore e giocatori. Tu pensi che vi siano colpe per questa stagione ? Oppure è una naturale ciclicità del calcio e dello sport, ad alternare anni si ed anni no ? E se pensi a delle colpe, a chi le imputeresti, tra le parti le varie parti (proprietà, presidente, dirigenza, allenatore, giocatori) ed in che misura?


Quando non si raggiungono certi risultati o quando vengono deluse le aspettative è evidente che ci siano delle responsabilità che hanno determinato certe situazioni. La verità sta quasi sempre nel mezzo ed anche nel caso della Juventus devono essere ripartite, senza fare percentuali più o meno alte, tra Società, allenatore e giocatori. Perché al netto degli errori di Società ed allenatore non dimentichiamo che in campo vanno comunque i giocatori che in alcune circostanze, per atteggiamento e approccio, hanno palesato responsabilità evidenti.

4) Bilancio in sofferenza, più recessione COVID. Quali dovrebbero essere le linee guida per il risanamento aziendale? Specialmente su monte ingaggi, aumento ricavi sponsor e aspetti legati al ricorso alle plusvalenze più o meno forzate?

Il ricorso alle plusvalenze è un giochino non solo bianconero al quale anche altri club sono costretti. Il problema è quando non si riesce mai a vendere bene un giocatore e devi trovare l’ossigeno per il tuo bilancio solo attraverso il ricorso alle plusvalenze. Per incrementare i ricavi da sponsor l’operazione Cristiano Ronaldo è stata determinante e la sua figura è tuttora determinante. Non dimentichiamoci che in epoca pandemica una delle poche società ad aver mantenuto il segno positivo dai ricavi determinati dall’e-commerce è proprio la Juventus grazie al peso raggiunto dal brand bianconero nel mondo. Purtroppo l’importante investimento commerciale non è stato corroborato dai risultati che ci si sarebbe aspettati ma collegare l’acquisto di CR7 alla vincita (per forza) della Champions è quanto di più assurdo e imbarazzante io abbia letto in questi ultimi mesi.

***

5) Sul tema del risanamento dei conti e ricostruzione della rosa, già intrapreso dalla scorsa stagione, come si incastra il discorso CR7? È ancora sostenibile a livello finanziario? È compatibile con una squadra che non ha più una supremazia netta ed obbligo implicito di scudetto in serie A e che in Europa ha perduto terreno dalle top e ad oggi non è più nelle aspiranti al titolo? E se credi che non sia compatibile, come potrebbe avvenire il divorzio dal portoghese? Chi potrebbe offrire un ingaggio adeguato? (N.B. CR7 non lo vediamo, prima dei 40, in MLS…)


Partendo dal presupposto che una separazione tra le parti avverrebbe solo per volere del portoghese perché la Juve non ha nelle sue intenzioni di separarsene, anzi voleva affrontare il discorso prolungamento del contratto con Jorge Mendes per spalmare l’ingaggio in un ulteriore anno di contratto ed abbassando l’impatto sul monte ingaggi, è evidente che in una situazione così impattata dal Covid sostenere un ingaggio così pesante è vincolante anche dal punto di vista del fare mercato. Detto questo, Paratici è stato a mio avviso molto più bravo, pur avendo commesso errori anche lui, di quanto lo si voglia far passare. Penso alle operazioni Chiesa e McKennie su tutte. Detto questo, e partendo dal presupposto che il prossimo mercato dipenderà anche dalla qualificazione o meno alla prossima Champions League, la Juventus farà un mercato in presenza di CR7 che sarà differente se lo stesso comunicasse la sua volontà di andarsene. Due le sue possibili ed uniche destinazioni a mio avviso: Manchester United o PSG.

***

6) Dybala è un problema gestionale. O lo si rinnova o va ceduto per non perderlo a zero euro tra 14 mesi. Che ne pensi e come finirà secondo te la disputa con l’entourage? In caso di ventilato scambio con Icardi, noi vediamo poco il “Signor Nara” come giocatore da top club e tra l’altro andrebbe ad appesantire di molto la situazione un altro ammortamento monster. Che ne pensi di questa eventualità?


Dybala, lo ripeto per la milionesima volta, è un giocatore dal talento e dalla classe indiscutibile. Ha colpi come pochi altri al mondo. Paga però difetti caratteriali e di personalità che non gli hanno consentito negli anni di avere quella continuità che ci si aspetta da un leader e campione assoluto. Se vuoi essere il n. 10 della Juve, il capitano e l’icona di questa squadra, certe situazioni devi tenerle lontane da te. I suoi colpi ed il suo sinistro non sono in discussione. Io credo che andrà via, che la Juventus lo inserirà in qualche scambio sul genere Arthur-Pjanic. A tal proposito mi spiace deludervi, ma non posso escludere che Dybala non possa essere inserito in uno scambio con Icardi col Psg. Piace anche a Simeone e quindi la Juve già la scorsa estate chiese informazioni su Joao Felix. Sulla Premier League lui ha sempre posto il veto quindi più difficile vederlo allo United, magari in uno scambio di plusvalenze con Pogba anch’egli in scadenza di contratto tra 14 mesi. Diverso potrebbe essere il suo destino qualora Cristiano Ronaldo lasciasse la Juventus. A quel punto sono quasi convinto che firmerebbe il rinnovo contrattuale con molta più facilità.

***

7) Non amiamo particolarmente il calciomercato sfrenato, senza logica e tanto per sparare nomi a membro canino. Se invece affrontato con equilibrio è un grande divertimento tra appassionati. Buttiamoci nella bagarre pure noi. In linea generale, quali ruoli andranno rafforzati? Quali le disposizioni generali a cui attenersi dei profili ricercati (solo giocatori Under 25? Ingaggi limitati? Parametri zero? Priorità agli italiani?)? Ci sarà un chiaro modulo a cui far riferimento o si andrà alla ricerca dei migliori calciatori acquistabili per adeguarsi tatticamente alle loro caratteristiche? Infine, terminiamo con nomi concreti. Locatelli lo diamo già al cancello di ingresso della Continassa. Milik probabile. Aouar antico pallino. Emerson indiscrezione ripetuta nel tempo. Vlahovic infatuazione recente. Tomyiasu è tra i nostri preferiti. Dopo questa mitragliata di ipotesi, tu devi mettere ordine nelle nostre idee e soprattutto proporci i nomi più concreti e quelli più segreti…


Partendo dal presupposto già detto che tutto passa attraverso la qualificazione alla prossima Champions, se esce Szczesny, oltre alla grande plusvalenza arriva Donnarumma. Ovviamente il polacco uscirebbe solo con la certezza di avere la firma del rossonero. Arriverà un terzino sinistro e in questo momento le mire sono tutte su Gosens ma bisogna accontentare l’Atalanta con qualche giocatore di suo gradimento, non è facile. Io terrei d’occhio il possibile scambio di plusvalenze Bernardeschi-Romagnoli. A centrocampo, salvo cataclismi, Locatelli sarà il primo rinforzo. Ma la Juventus vuole inserire un giocatore che faccia fare il salto di qualità. Non avendo ancora ben chiaro il quadro anche in virtù della posizione di Pirlo comunque ancora sotto esame, fare nomi è davvero difficile. Non credo assolutamente a Milinkovic-Savic che vedo più all’estero mentre Aouar e lo stesso Pogba secondo me sono molto più che ipotesi (non entrambi eh!). In attacco Milik a 12 mln è un’occasione soprattutto da valutare in caso di mancato sconto per Morata. Vlahovic è un nome che secondo me a breve uscirà accostato alla Juventus. Sul fronte giovani la Juventus lavora con l’Empoli per assicurarsi il giovane classe 2001 Samuele Ricci. In uscita si confida nelle cessioni di Alex Sandro e Ramsey soprattutto. Attenzione a Bentancur e Demiral che potrebbero serivire per scambi e plusvalenze.

Daniele Mulazzani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...