#MatchAnalysis

Verona-Juventus 1-1, Ronaldo c’è, la Juve no.

Cristiano Ronaldo (links) und Juventus Turin patzten bei Hellas Verona

La Juventus non va oltre il pareggio al Bentegodi nel complicato anticipo della 24° giornata di Serie A contro il Verona di Ivan Juric, con le reti di Ronaldo per i bianconeri, di Barak per la squadra casalinga.

Andrea Pirlo deve far fronte alle diverse indisponibilità e con gli uomini contati e una lista di convocati ricca di Under 23, schiera un 3-5-2 con Szczesny tra i pali, difesa composta da Demiral-De Ligt-Alex Sandro, centrocampo con Bentancur-Rabiot-Ramsey che vince il ballottaggio con Mckennie, sugli esterni Bernardeschi-Chiesa e coppia d’attacco Kulusevski-Ronaldo.

IL FILM DELLA PARTITA

La Juventus parte forte e nei primi cinque minuti crea subito un’occasione con Ramsey, che sfrutta un errore di Silvestri, ma il portiere veronese si riscatta subito deviando il tiro del gallese in calcio d’angolo. Il Verona reagisce subito e colpisce il primo legno della gara, con Szczesny bravo a deviare il colpo di testa di Faraoni sul palo alla sua sinistra.

Ci prova anche Chiesa, qualche minuto dopo, a cercare la rete con una buona azione personale che vede però Silvestri attento sulla conclusione mancina del ex viola.

Nella seconda metà del primo tempo, i ritmi calano e falli ed interruzioni la fanno da padrona. La Juventus cerca la via della rete con manovre articolate o con azioni personali, mentre l’ Hellas è pericolosa sulle ripartenze sfruttando i soliti errori in fase di costruzione, ma senza creare grossi problemi alla retroguardia bianconera.

Si chiude con un possesso palla in favore dei bianconeri( 60% a 40% ) e con tre tiri per parte.

Verona-Juventus 1-1, il tabellino

Nella ripresa, così come nel primo tempo, la Juventus parte a cannone e stavolta trova il gol. Azione personale di Ramsey che trova con un bel passaggio filtrante per Chiesa, abile a sua volta ad inserirsi e a servire l’accorrente Ronaldo che di piatto piazza alle spalle di Silvestri che può solo toccare il pallone ma non respingere per evitare la rete del momentaneo vantaggio.

Gli uomini di Juric accusano il colpo e provano ad alzare il loro baricentro, ma la Juve tiene bene il campo andando vicino al raddoppio con Ramsey che da posizione ravvicinata, tira a colpo sicuro ma viene murato da Magnani.

Verona-Juventus 1-1: non basta Ronaldo, Barak ferma la rincorsa dei  bianconeri - la Repubblica

E’ il Verona però poco dopo a trovare il pari. Cross del neo entrato Lazovic e colpo di testa di Barak che sovrasta Alex Sandro spiazzando Szczesny che nulla può se non guardare il pallone finire in rete.

I bianconeri non riescono a creare occasioni da rete e l’ultimo squillo è quello di Lazovic che coglie la traversa grazie a una conclusione violenta che il portiere polacco sfiora quanto basta per evitare il raddoppio veronese e il ko dei bianconeri.

Verona-Juventus 1-1, le pagelle: Pirlo si gira e vede il vuoto, Barak uomo  della provvidenza - TUTTOmercatoWEB.com

I NUMERI

Verona-Juventus

Dalle statistiche possiamo evincere come il possesso palla, se nettamente in favore della Juventus nella prima frazione di gara, sia quasi bilanciato al termine novanta minuti. Le due compagini si sono equivalse anche nelle conclusioni verso lo specchio della porta, ma il dato più rilevante è la precisione al tiro, simile a quella del Verona. Una percentuale bassa (33,3%) per una squadra come la Juventus che arriva si al tiro, ma è poco incisiva, motivo per cui le partite restato sempre in discussione e portano come già successo in più occasioni, a perdere punti sul proprio cammino.

HEATMAP

1° TEMPO-2° TEMPO

Dalla mappa del calore si comprende come i bianconeri, con l’assenza di Morata, facciano davvero fatica a riempire l’area di rigore. Ronaldo e Kulusevski amano giocare larghi, di conseguenza senza il numero 9 spagnolo, diventa complicato anche concretizzare una manovra offensiva con il supporto degli esterni. Poca copertura sul fronte offensivo, lasciando sguarnite alcune zone del campo e sovraccaricandone altre, come nel caso di Ramsey, poco presente sulla trequarti e più a ridosso degli esterni. Nel secondo tempo il Verona fa più densità, spinge sulle fasce ed arriva spesso sul fondo, creando così l’azione del gol con Lazovic e Barak, più presente nel cuore dell’area di rigore.

Il 2 Marzo ci sarà all’Allianz Stadium lo Spezia di Vincenzo Italiano, dove occorrerà obbligatoriamente prendersi i 3 punti per continuare a credere e partecipare fino alla fine alla lotta scudetto.

Di Gianluigi Cascarano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...