I tre ruggiti del Leone

I 3 RUGGITI DEL LEONE – Risponde Franco Leonetti

Diritti TV. La Juve, per la prima volta, pare voltare le spalle a Sky. Ancora più, è proprio Agnelli a guidare le società scissioniste pronte a sposare il duetto Dazn e Tim. Quali scenari finanziari, dati i bilanci in netta sofferenza, si potrebbero aprire con questa scelta? I fondi di investimento saranno ancora coinvolti nella rivoluzione in Lega Calcio?

In Lega va in scena un braccio di ferro palese. Difficile fare previsioni in questo momento. L’offerta di Sky di ieri potrebbe sovvertire nuovamente gli equilibri, con 130 milioni della tranche dello scorso anno più 500 milioni per i prossimi anni. Agnelli guida la volata verso Dazn, che offre di più, con i fondi d’investimento che sembrano messi da parte, con un’offerta che potrebbe venir cestinata. Un quadro confuso che necessita di chiarezza in brevi tempi. Al momento Sky pare essere in pole position ma le sorprese possono essere dietro l’angolo, tutto dipenderà dagli accordi tra i due blocchi di società per giungere a un accordo definitivo. Non resta che attendere gli sviluppi.

***

Era la Champions, eppure ieri l’approccio è stato completamente sbagliato, facciamo fatica a ricordare anche solo un gol preso come i due di ieri in tutta la nostra storia. Che sia un anno di transizione oramai lo si è capito, ma la paura è che uno solo non basti! Come intervenire in una situazione del genere? Si può salvare qualcosa oltre il gol di Chiesa?

Se prendi due gol al primo minuto del primo e secondo tempo, e in quel modo, significa non avere la giusta concentrazione e la connessione sulla gara. Troppa sufficienza, leggerezza, cattiveria totalmente assente nello svolgimento della gara, l’incapacità di mutare un copione. Tutti sul banco degli imputati, tutti devono dare delle risposte per una prestazione oscena e inguardabile. Non si può affrontare, per il terzo anno consecutivo, un ottavo Champions in quella maniera scriteriata, moscia e senza attributi. Il problema è endemico: tre anni, tre allenatori diversi, performance vergognose. Significa non aver capito che la Champions è altra cosa e va affrontata con carica, attenzione e meticolosità. La cosa peggiore di ieri sera è la pochezza d’intenti e l’incapacità di cambiare il copione del gioco, e qui entra in scena Pirlo che ha le sue colpe con tutto il gruppo. Quando si racimolano figure barbine come quella di Oporto, vanno tutti sul banco degli imputati, dal Presidente, passando per la dirigenza, fino all’ultimo dei magazzinieri, alla Juve non può mancare la mentalità. Un gravissimo difetto che rischia di non portare a nulla. La rete di Chiesa, l’unico a tenere a galla la Juventus, con un Rabiot sufficiente, è una scialuppa di salvataggio per il ritorno, ma servirà una squadra compatta, connessa, vogliosa e capace di saper soffrire, altrimenti sarà naufragio europeo. Una Juventus sconcertante, senza alibi e scusanti. Se non si mutano orizzonti, non si va da nessuna parte.

***

Prima della partita di ritorno col Porto incontreremo in campionato Crotone, Verona, Spezia e Lazio.
C’è ancora una qualche possibilità di ambire al titolo facendo 12 punti? E sopratutto… È nelle nostre corde farli considerando infortuni e stato di forma generale?

Punti importanti in palio in campionato, ma ad oggi, è impossibile capire cosa attendersi da una squadra mutevole e poco continua. Il recupero di Dybala è fondamentale per dare soluzioni diverse al gioco asfittico mostrato con Napoli e Porto. Ma tutta la squadra si deve guardare in faccia e smetterla con atteggiamenti leggeri e svagati. Teoricamente un filotto in campionato è possibile, ma mai come oggi conteranno solo prestazioni e voglia di fare risultato. Una Juve così incostante, imprecisa, impalpabile, sfugge a ogni pronostico. I problemi sono evidenti, Pirlo deve serrare i ranghi e fare delle scelte, agendo su orgoglio e combattività dei suoi ragazzi, senza quelle caratteristiche la squadra diventa vulnerabile. Poi ci sono quesiti che andrebbero risolti, uno su tutti che mi pare molto significativo: ma Kulusevski in che ruolo deve giocare per rendere al meglio?

Franco Leonetti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...