Lavagna Tattica

Lavagna Tattica: il Napoli di Gattuso

Si ritorna a giocare in campionato e questa sera la Juventus sarà in trasferta a Napoli dove affronterà i padroni di casa partenopei. Dal punto di vista tattico, Gennaro Gattuso ha deciso di virare nuovamente verso il 4-3-3 per cercare di dare più solidità alla squadra ma nonostante questo, il 4-2-3-1 resta un opzione anche in gara in corso ed è stato riproposto, anche durante il secondo tempo contro l’Atalanta in Coppa Italia.

Fase di possesso

La formazione partenopea tende a costruire la propria manovra dal basso a partire dalla rimessa dal fondo grazie anche alle caratteristiche del proprio estremo difensore David Ospina. I due difensori centrali vanno a posizionarsi sulla stessa linea del portiere colombiano per iniziare l’azione mentre i due terzini, si allargano per dare ampiezza. Uno dei giocatori che si sta rivelando molto duttile nello scacchiere azzurro è Piotr Zieliński. Il centrocampista polacco classe ’94 dopo essere stato colpito anche lui dal COVID-19, ha ricoperto abbastanza bene anche il ruolo di trequartista dietro la prima punta e dopo una prestazione anonima nel match di Supercoppa, avrà voglia di rivalsa e viste le sue caratteristiche tecniche rappresenta uno dei giocatori partenopei da temere di più.

Fase di non possesso

In fase difensiva visto il ritorno al “vecchio” modulo, il Napoli potrebbe disporsi almeno inizialmente, con un 4-5-1 e non con un 4-4-2 con l’abbassamento dei due esterni offensivi sulla linea centrocampisti che avranno il compito di andare a raddoppiare il nostro portatore di palla sulla fascia con la prima punta, che andrà a posizionarsi sotto la linea della palla. Inoltre i nostri avversari, cercheranno di spostare il nostro gioco sulle fasce e di conseguenza i propri uomini nella zona centrale del campo andando formare tanta densità.

Conclusioni

Nonostante le numerose assenze in casa Napoli soprattutto nel reparto arretrato, la Juventus dovrà scendere in campo con l’approccio giusto per vincere anche questa partita che permetterebbe di accorciare momentaneamente il gap con le due milanesi mettendogli un po’ di pressione addosso.

Salvatore Amato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...