I tre ruggiti del Leone

I 3 RUGGITI DEL LEONE – Risponde Franco Leonetti

Buona prova in Coppa Italia, soprattutto in riferimento alle prestazioni dei tanti giovani impiegati.
Che partita è stata questa che precede un ciclo veramente terribile di gare?

Buona Juve infarcita di giovani che rappresentano il futuro. La gara di Coppa Italia, oltre a passare il turno e ottenere la semifinale con l’Inter, è servita a mettere in vetrina i vari Fagioli, Dragusin e Frabotta, autore di un gran bel gol. Il futuro della Juve appare roseo, anche alla luce dei vari Kulusevski, Bentancur, McKennie, Chiesa, de Ligt, Demiral e Arthur, che sono già titolari fissi della prima squadra pur appartenendo alla linea verde di Madama. Fagioli ha dimostrato, con una grande prova fatta di movimenti e giocate da veterano, di essere già pronto. Il ciclo terribile di gare importantissime nel mese di febbraio può essere affrontato con più ottimismo anche a fronte delle prove dei ragazzi provenienti dalla U23, in attesa del ritorno di Dybala. L’Under 23, che ricordo essere serbatoio fondamentale anche per la Juve dei grandi, è l’ennesima dimostrazione che la Juventus è arrivata prima anche in questo ambito. Tutti i club volevano la seconda squadra, la Juve è stata la prima e unica società ad investire in questo progetto e i frutti si vedono.

***

Ieri dichiarazioni importanti di Agnelli sulle perdite finanziarie dovute al COVID. Che fanno seguito alla messa al bando della FIFA di ogni ipotesi di Eurolega-Superlega. Sarà braccio di ferro tra Top Club e governo ed istituzioni del calcio, con il nostro Presidente a Capo dei “rivoltosi scissionisti”?

Le dichiarazioni del Presidente hanno, per l’ennesima volta, posto l’accento sul problema calcio acuito dalla fortissima contrazione dei ricavi provocati dal covid. Il calcio in generale, a livello mondiale, va riorganizzato, ripensato, riprogettato: le perdite saranno ingentissime e il movimento può salvarsi solamente con un’azione coordinata da parte dei club calcistici di tutto il mondo in sinergia con le istituzioni di categoria a livello planetario. Le difficoltà sono palesi, è ora di agire, altrimenti si rischia la catastrofe. In Italia, ad esempio, ci sono club che faticano o non pagano gli stipendi da mesi. Insomma servono meno parole e più iniziative concrete.

***

Siamo all’ultimo giro di mercato, cosa aspettarsi? Hai news?

La Juve fino a domani proverà il colpo Scamacca, se non si troveranno gli accordi la dirigenza juventina potrebbe andare sull’usato sicuro low cost, o in ultima analisi rimanere così. Ma tutti sanno benissimo alla Juve, che una punta di complemento serve eccome. Anche vista la compressione del calendario e le tante gare in pochi giorni. Khedira sembrava in procinto di accasarsi ma, a oggi, non ci sono notizie. Il rischio è quello di vederlo a Torino, senza scendere in campo, sino a giugno con un ingaggio pesantissimo. Se si verificheranno certe congiunture economiche, tecniche e di opportunità, la Juve potrebbe anche guardare a un colpo last minute, anche se sappiamo bene che il mercato di riparazione fornisce meno occasioni “irrinunciabili”. Alla fine del mercato la dirigenza si metterà al lavoro sui rinnovi, in agenda ovviamente Dybala, ma anche le questioni Buffon, Dragusin e non solo.

Franco Leonetti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...