Lavagna Tattica

Lavagna Tattica: il Napoli di Gattuso

Primo trofeo stagionale in palio per la Juventus che questa sera affronterà, dopo le polemiche di campionato condite pure da sentenze giudiziarie sportive ribaltate, il Napoli di Rino Gattuso. Il tecnico calabrese rispetto alla scorsa stagione, ha cambiato modulo di base e questa sera confermerà il “nuovo” 4-2-3-1.

Fase di possesso

La formazione partenopea tende a costruire la propria manovra dal basso a partire dalla rimessa dal fondo grazie anche alle caratteristiche fondamentali del proprio estremo difensore Ospina. I due difensori centrali vanno a posizionarsi sulla stessa linea del portiere colombiano per iniziare l’azione mentre i due terzini, si allargano per dare ampiezza. Il nuovo schieramento tattico come detto prevede la presenza di due mediani davanti alla difesa che vista l’assenza causa COVID-19 di Fabian Ruiz, salvo sorprese saranno ancora una volta Demme e Bakayoko, e quella di un trequartista-regista offensivo spettante a Zielinski che sarà affiancato da due esterni offensivi a supporto di un unico centravanti che a loro volta, vengono quasi immediatamente cercati e innescati in verticale per la finalizzazione offensiva.

Il giocatore più rigenerato da questo sistema di gioco è senza dubbio Hirving Lozano. Il “Chucky” dopo una prima stagione nettamente al di sotto delle aspettative, sta facendo davvero bene sia a destra che a sinistra quando ha sostituito capitan Insigne ed ha già messo a segno ben 10 reti stagionali.

Fase di non possesso

In fase difensiva rispetto al 4-5-1 della passata stagione e rivisto contro la Roma in campionato, il Napoli potrebbe ancora posizionarsi con un 4-4-2 con l’abbassamento dei due esterni sulla linea dei centrocampisti che andranno a raddoppiare sul nostro portatore di palla con il trequartista che invece, va posizionarsi appena dietro la prima punta. Inoltre cercheranno di spostare il nostro gioco sulle fasce e di conseguenza i loro uomini nella zona centrale del campo andando formare tanta densità. Tutto ciò, nonostante i loro alti e bassi in termini di prestazioni ma anche di risultati, gli sta permettendo di essere finora la migliore difesa del campionato italiano.

Conclusioni

Dopo la disastrosa partita di domenica sera culminata con una meritata sconfitta, la Juventus anche se contro un avversario ostico ha l’opportunità di portarsi a casa il primo trofeo stagionale ma per poterlo fare dovrà mettere in campo soprattutto un atteggiamento completamente diverso rispetto a quello visto tre giorni fa a Milano.

Salvatore Amato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...