I tre ruggiti del Leone

I 3 RUGGITI DEL LEONE – Risponde Franco Leonetti

Chiellini pare essere ai titoli di coda. Il suo fisico da guerriero pare non reggere più. Si profila un immediato impegno in società nelle vesti di dirigente?

Questa è l’ultima stagione di Chiellini come giocatore, la situazione non è rosea a causa dei continui guai muscolari che il capitano della Juve continua a patire. Un vero peccato, ma la situazione va affrontata con lucidità dalla dirigenza. I bianconeri hanno in rosa 4 centrali difensivi, ma l’indisponibilità persistente di Chiellini potrebbe portare a due soluzioni per gennaio. O far crescere Dragusin che ha esordito ieri sera in Champions, oppure andare forte su un centrale giovane che piace alla dirigenza come Lovato, bloccandolo subito. In attesa di sviluppi, la speranza è quella di rivedere il capitano in campo con qualche garanzia fisica maggiore. Poi a fine annata, Chiellini si siederà dietro ad una scrivania per entrare a far parte dello staff societario.

***

Una Juve a due facce. Più cinica e concreta in Europa, fragile e confusionaria in campionato. Casualità o forse l’Europa è più stimolante?

A mio parere è un caso. La Juventus è ancora in crescita e alla ricerca di una vera anima e di una veste tecnico-tattica definitiva. In Champions, grazie anche a un girone non proibitivo, sono fioccate buone performance e risultati, Barcellona a parte. Direi che anche questo aspetto si rivelerà fondamentale per riuscire a vedere la Juve di Pirlo al meglio in tutte le componenti, sia per il gioco corale che per soluzioni tattiche e continuità di prove, partendo sin dal derby torinese di sabato, dove la Juventus è chiamata a vincere e convincere.

***

Dopo la delusione con il Benevento sarà fondamentale avere continuità di vittorie e aprire una striscia di successi.
L’assenza di Morata non semplificherà le cose, oppure Dybala avrà spazio e poca pressione per cui vedremo il talento argentino prendersi finalmente la scena?

Il campionato è lungo e molto aperto, con tanti club coinvolti nelle alte sfere della graduatoria, ma serve dare subito risposte convincenti con continuità: il segreto di una lunga corsa a tappe. Morata è in grande forma, segna sempre ed è uno dei più positivi in ogni match, ma Dybala deve ritrovare se stesso e ciò che sa fare a meraviglia. La squalifica dello spagnolo deve rivelarsi il trampolino di lancio per Dybala. La Juventus ha la necessità di ritrovare Paulo in forma smagliante, a Benevento lo abbiamo visto in ripresa, ma il suo recupero procede a rilento. L’occasione per tornare a fare il Dybala è ghiotta, ora sta al ragazzo mostrare segni decisivi della sua salita di tono, per la squadra e per il suo rendimento. Dybala tornerà a fare il Dybala, ma serve fare in fretta, anche per una questione psicologica e di autostima del ragazzo. Senza dimenticare che la Juve ha bisogno dei suoi gol e delle sue performance migliori per scalare la classifica della serie A.

Franco Leonetti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...